death bot

giovedì, agosto 21st, 2008

I robot del ‘caro estinto’ ci tramanderà le sue esperienze

Il
Giappone è davvero intenzionato a produrre robots per coprire
virtualmente qualsiasi esigenza del mercato: perfino quello ‘postumo’.

In un qualche macabro modo cibernetico, il
concept di Robot denominato ‘Oboe’ dal suo designer Arnaud Deloustal
(vorrei sapere perchè, ma ci penserò e/o mi documenterò), conterrà
tutta la conoscenza o le esperienze registrate da una persona in vita,
e le esprimerà: un pò come ‘trasmettere’ alle nuove generazioni il
proprio vissuto.

Il robot di un ‘proavo del futuro’ potrebbe stazionare in salotto e raccontare aneddoti vecchi di secoli ai suoi pronipoti, con la viva voce di chi li ha vissuti.

Chissà, magari tra 1000 non sarà sorprendente
vedere la Terra popolata da tanti ‘cari estinti’ in forma robotica che
in qualche modo continuano a vivere nelle case della gente.

Magari saranno evoluti al punto da ‘ricordare’ di quando sono stati umani? Tutto questo fa molto Philip Dick.

Leggi i commenti (1) »

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: